Templates - bigtheme.net
Full Reviw on best bokkmakers by artbetting.net

UTOPIE, FANTASIE, PAROLE E VISIONI INTORNO AL PROPRIO HABITAT 

Creazione di un monumento

Il nostro progetto di animazione culturale pluridisciplinare nasce da un'esperienza pluriennale sia in territorio nazionale che all'estero e vuole presentarsi come un tentativo di intrecciare le radici che legano la quotidianità con il mondo fantastico.

 

Partiamo dai seguenti quesiti

-        Come rivitalizzare un quartiere, un paese e come stimolare una nuova visione di esso?

-        Come indurre un processo di presa di coscienza e di conoscenza della ricchezza e del valore del proprio centro urbano?

-        Come coinvolgere bambini, ragazzi e giovani in questo processo per renderli protagonisti nella rivitalizzazione del quartiere o del paese attraverso un percorso creativo?

Proponiamo a tale scopo:

-        la realizzazione di un laboratorio pluridisciplinare per la creazione di un monumento, espressione dell’immagine e dei desideri dei bambini, ragazzi e giovani partecipanti dal nome UN MONUMENTO, UNA TORRE, UNA VISIONE DEL PROPRIO HABITAT

 

PERCHE' UN MONUMENTO

L'equazione 'cosa di tutti = cosa di nessuno' autorizza a disporne come meglio si crede, che sommata alla mancanza di cultura, rispetto e fantasia, determinano la distruzione o danneggiamento di quanto si considera inutile.

Queste considerazioni hanno spinto a proporre un laboratorio in cui attraverso un processo partecipativo, con un gruppo di allievi, si individua un soggetto tematico a cui dedicare un monumento auto costruito (partecipazione creativa diretta), che ne ricordi l'importanza al 'Passante'.

 

 

Essere capaci di fantasticare vuol dire essere capaci di sopravvivere

Momenti del laboratorio:

- Scoperta, osservazione e analisi di monumenti presenti in loco,

- Perché dedicare un monumento,

- Individuazione del tema e soggetto,

- Progettazione del "proprio" Monumento,

- Apprendimento di una tecnica, (riciclo dei materiali e carta pesta),

- Fase attuativa e realizzazione,

- Scrittura di discorso che sia espressione del laboratorio e delle sue motivazioni,

- Laboratorio teatrale finalizzato alla cerimonia per la donazione del Monumento alla collettività

- Evento per l' inaugurazione.

IL LABORATORIO SCENOGRAFICO 

Qui intendiamo indurre i ragazzi attraverso la ricerca di materiali di recupero a una consapevolezza maggiore della cura dell’ambiente e della ricchezza e delle possibilità creative del materiale di recupero.

Il mondo fantastico dunque viene realmente rappresentato utilizzando materiale di recupero, materiale scartato, vissuto, con una propria storia, che viene reinventato, riproposto per dar vita ad una nuova realtà. La creazione di un monumento, un marchingegno o un macchinario sarà perciò un forte stimolo per i ragazzi che avranno modo di realizzare con la propria immaginazione un oggetto frutto esclusivamente dalla loro inventiva. Proponiamo inoltre di lasciare questa creazione fantastica in esposizione permanente come testimonianza pubblica delle possibilità creative e poetiche offerte dagli "scarti" della nostra vita di ogni giorno.

Il laboratorio che proponiamo è dunque centrato sulla creazione di un monumento, risultato del confronto collettivo con materiali di recupero e di facile reperibilità. Il laboratorio seguirà una fase progettuale ben articolata: dallo studio delle proprie caratteristiche dei singoli materiali ricuperati (ferro, legno, plastica, carta,…) alle loro possibilità espressive. Le tecniche costruttive saranno di veloce e facile comprensione.

 

IL LABORATORIO TEATRALE verrà articolato su:

-        carattere individuale dell'espressione, esercizi psico-fisci che aprono il corpo ad un linguaggio espressivo non verbale

-        lavoro nel gruppo: ascolto, ritmo, espressione comune, relazioni

-        senso e utilizzo dello spazio: spazi urbani e naturali, spazi teatrali e non

-        lavoro individuale e in gruppo con il monumento e/o singoli elementi del monumento

-        la costruzione del personaggio, elementi di caratterizzazione

-        lavoro di improvvisazione e composizione su temi connessi direttamente o metaforicamente al filo conduttore

-        lavoro vocale

Durante tutta la fase del laboratorio ci saranno momenti di incontro e confronto tra i due laboratori che porterà alla creazione collettiva della fase conclusiva del laboratorio che consisterà nella collocazione del monumento in un luogo pubblico e la sua inaugurazione. In questo contesto si farà leva sulle capacità dei partecipanti in ambito musicale nell’inaugurazione.

CONCLUSIONE

Il destinatario ultimo del progetto sarà quindi il pubblico cittadino che si troverà introdotto in un'area a lui nota, ma trasformata dall'intervento prodotto scenograficamente e teatralmente. L'evento finale sarà un momento di celebrazione, di scoperta e di rivelazione di immagini potenti e ignote: un grande affresco a cui avranno partecipato paese e pubblico.

DURATA

Il laboratorio ha una durata di un totale di 30 ore. Il laboratorio verrà condotto da due operatori, uno curerà la parte scenografica e uno la parte teatrale.

DOCUMENTAZIONE

Sarà opportuno documentare l’intero processo didattico attraverso delle foto e delle riprese video e delle interviste ai partecipanti che in un secondo momento potranno comporre una mostra.

Il laboratorio su nominato è stato realizzato con grande successo ad Asuni, Laconi, Nureci, Siniscola, Usini, Ittiri, Sassari, Porto Scuso (Italia) e Aarhus (DK).  

Un progetto Theatre en vol.

The bet365 is best bookmaker in the world.

The Best betting exchange betfair